Problemi tipici degli e-commerce gestiti da imprenditori e piccole imprese

In questa pagina ti spiegherò perchè la maggior parte dei siti e-commerce viene chiusa entro un anno dall'apertura, o continua a soffrire aumentando la frustrazione dei proprietari/gestori, o peggio ancora aumentando inutilmente i costi di gestione, senza produrre profitti considerevoli.

Scriverò anche degli articoli dedicati ai punti di controllo per siti e-commerce, e alle strategie da adottare per incrementare le vendite e soprattutto i profitti.

 

Il problema più comune degli shop online di piccole e medie imprese

Quando un imprenditore di una PMI decide di realizzare un sito e-commerce, molto spesso rientra in uno dei seguenti casi:

  1. Ha un'azienda bene avviata e profittevole nel suo mercato, con un sistema di vendita tradizionale/fisico (BtoB o BtoC), e vuole espandere le vendite anche tramite i canali online
  2. Ha un'azienda in difficoltà economica, con carenza di liquidità, e decide di investire il "fondocassa" per aprire un e-commerce e risollevare la situazione di liquidità grazie a nuove vendite generate dal sito

Nella stragrande maggior parte dei casi l'imprenditore si rivolge al proprio grafico di fiducia, o al web designer che gli aveva fatto il sito aziendale, di cui è soddisfatto. Il problema è che molto spesso grafici, social media manager e addirittura web designer non sono esperti di marketing, non hanno una formazione ed una competenza specifica nelle strategie di marketing realmente necessarie ed efficaci per vendere online.

Questo già è un problema se l'e-commerce nasce come compendio di una attività già avviata: se invece è stato creato alla nascita dell'impresa, come unico mezzo di vendita e profitto, la situazione si fa davvero tragica!

 


Cosa succede quando manca un consulente esperto di marketing per le vendite online?

Te lo dico senza mezze misure: in quasi tutti i casi il sito appena fatto non vende, nemmeno dopo diversi mesi.

Analizziamo i tre casi più tipici:

  1. Il caso del "Sito fai-da-te"
  2. Il caso del freelance "tuttofare"
  3. Il caso della web agency "incompetente"
Il caso del "Sito fai-da-te"

Non vale nemmeno la pena approfondire più di tanto il caso in cui l'imprenditore si è creato il sito da solo, abbindolato dalle promesse di vendite facili da uno di quei tanti servizi online che per poche decine (ma in alcuni casi anche centinaia) di euro al mese ti fanno credere di poter mettere online da solo e in pochissimo tempo un sito e-commerce e ricevere ordini da subito.
Si, puoi farlo, ma sarà come correre in Formula uno con un'auto che ti sei costruito da solo seguendo un tutorial online: arriverai sempre tra gli ultimi, bruciando il budget per non ottenere nulla. I concorrenti che arrivano primi nel mercato della vendita online investono forte in tecnologia e competenze altamente specializzate, e si accaparrano il 95% del mercato, lasciando agli shop "fai-da-te" davvero solamente le briciole.

"Ma il mio amico/conoscente/parente/fornitore ha fatto tutto da solo e vende!".
Ho sentito queste "leggende" più di una volta, e a parte qualche rarissimo genio e qualche meno raro imprenditore che ha investito molto denaro e tempo in formazione strategica d'alto livello di marketing per e-comemrce, tutto il resto si può facilmente spiegare con il caso dell'imprenditore dal grande Ego, desideroso di prendersi il merito del successo del proprio e-commerce, quando molto spesso tale successo è dovuto a investimenti annui a 5 zeri in consulenti ed attività di marketing (nella gran parte dei casi è anche molto facile scoprirlo).

Il caso del freelance "tuttofare"

Se a svilupparlo è stato un singolo freelance, molto probabilmente, quando interpellato a tal proposito, consiglierà all'imprenditore di cercare un professionista che gli possa fare attività di promozione sui social, e/o attività SEO di link building, e/o (nel migliore dei casi) una consulenza di marketing. Nel peggiore dei casi si arrabatterà per accontentare il proprio cliente svolgendo lui stesso alcune attività, quasi sempre con risultati altamente insoddisfacenti. Questo perchè, per quanto possa essersi formato ed essere geniale, è pur sempre una sola persona (e credimi se ti dico che per spingere e far funzionare anche un piccolo e-commerce servono più persone specializzate con precise competenze) e avrà certamente diversi altri clienti e lavori da gestire.

Allora la soluzione è affidarsi ad una Web Agency? (SI, ma anche NO: leggi il prossimo paragrafo per capire meglio)

Il caso della web agency "incompetente"

Se invece lo shop non profittevole è stato realizzato da una web agency, probabilmente è un'agenzia che non ha al suo interno figure altamente specializzate e con anni di esperienza nella gestione di attività di marketing per e-commerce. Molte web agency sono ancora oggi composte da programmatori, ingegneri informatici anche molto capaci, ma che spesso non hanno la benchè minima competenza in attività diverse da quella della programmazione.

 

Io ho capito ben 15 anni fa l'importanza sempre maggiore che avrebbero avuto gli e-commerce nel mercato e, dopo aver fatto molta esperienza sulle principali piattaforme come Prestashop, Magento, Woocommerce, ho innanzitutto deciso di fare grandi investimenti nello sviluppo di una piattaforma proprietaria che unisse gli strumenti per siti e-commerce più diffusi ad una flessibilità di sviluppo e personalizzazione estremamente maggiore rispetto a tali piattaforme. Parallelamente ho anche investito molto nella formazione mia e del personale specializzato che ho in agenzia, perchè solo con figure professionali altamente specializzate e focalizzate posso garantire dei risultati concreti e beneficiare quindi di collaborazioni con i miei clienti molto durature e soddisfacenti.

 

Come risolvere il problema e rendere il tuo e-commerce profittevole

A questo punto hai certamente capito che il marketing è essenziale per far funzionare un e-commerce, ma soprattutto che è essenziale fare le giuste scelte, per non buttare al vento un sacco di soldi perdendo tempo senza ottenere progressi.

Le possibilità che hai davanti sono tre:

  1. Occuparti tu stesso di ogni attività di marketing, impiegando settimane a seguire costosi corsi di formazione altamente specializzata su ogni aspetto da conoscere (lead generation, remarketing, digital analytics, Google ADS, Facebook ADS, neuromarketing, SEO, ottimizzazione prestazionale del sito, copywriting, e molto altro ancora), sperando di trovare corsi davvero validi. In seguito dovrai avere personale interno all'azienda da formare e seguire, perchè anche conoscendo tutta la teoria non puoi occuparti da solo anche della pratica (ti servirebbe una giornata lavorativa di 18 ore, e non potresti anche gestire il tuo business!). A questo punto mancherebbe l'esperienza, senza la quale spenderesti ancora molto denaro e sprecheresti un sacco di tempo per fare tentativi e provare a correggere man mano che vai avanti
  2. Assumi in azienda del personale specializzato e con esperienza: un e-commerce manager esperto di marketing, un grafico, un media buyer, un SEO, un copywriter... con un costo annuo che supererebbe sicuramente i 150.000 euro. Chi gestirà poi tutte queste figure, controllando che vadano nella strada giusta e che collaborino al meglio per raggiungere gli obbiettivi? E se qualcuno decidesse di andarsene "sul più bello"?
  3. Affidi la gestione del marketing a un consulente esterno specializzato in marketing per e-commerce. Meglio ancora un'agenzia specializzata, che abbia al suo interno tutte le professionalità necessarie, un team affiatato che abbia già lavorato assieme a molti progetti e-commerce, guidati da un project manager e da un esperto di marketing: è abbastanza evidente che questa soluzione è quella vincente, che ti permetterà di spendere meno denaro ma soprattutto di spenderlo bene, rendendo profittevole ogni euro speso, facendo funzionare finalmente il tuo e-commerce

 

Affidami le attività di marketing del tuo business online ed avrai la sicurezza di lavorare con un’azienda focalizzata ed esperta nel marketing per e-commerce, che analizzerà prima di tutto la tua situazione specifica e solo dopo ti proporrà le strategie di marketing realmente necessarie per aumentare le tue vendite in modo profittevole, senza bruciare soldi, grazie al metodo di lavoro basato sul costante calcolo e controllo del ritorno sull’investimento!

 

Chi ci sceglie continua ad affidarsi a noi perchè il bilancio dei costi e dei ricavi, prima e dopo le nostre attività, parla chiaro!

 

Contattami per una prima analisi gratuita del tuo e-commerce ed un preventivo di consulenza: chiama il 0721 2383799 o manda una e-mail a info@artistiko.net

 

Clicca le seguenti immagini per vedere alcuni e-commerce realizzati da Artistiko:

Approfondisci leggendo altri articoli correlati a Digital Marketing E-commerce Web Marketing

Lascia un commento
Richiedi un preventivo totalmente gratuito

Chiamaci al numero 0721 283799 o compila il modulo per chiedere informazioni, un preventivo di spesa o un appuntamento per discutere un progetto, sarai presto ricontattato. Tutti i campi sono obbligatori